La città di San Francisco non comprerà più prodotti Apple

A riferire questa notizia è un articolo su WebNews dove viene descritto nel dettaglio il problema della città di San Francisco ma che in realtà interessa a tutto il mondo che usa o ha intenzione di usare prodotti Apple.

A quanto pare la presunzione di Apple stessa non ha confini, sembra che i prodotti dell’azienda di Cupertino non rispettino l’ambiente (oltre che essere molto costosi).

Quindi Apple abbandona l’EPEAT, ente volto alla distribuzione di prodotti tecnologici nel rispetto dell’ambiente: la città di San Francisco non comprerà più Mac.

Si direbbe quindi che San Francisco fa benissimo a non comprare più prodotti dell’azienda di Cupertino, visto che viola qualsiasi norma per la tutela dell’ambiente e che con la sua stupidissima e assurda presunzione voglia commercializzare dei prodotti tecnologici a danno dell’ambiente.

Ma se vogliamo insistere sull’argomento Apple non ha violato solo l’ambiente e quindi elenchiamo diverse cose che Apple ha in effetti violato:

  • mancato rispetto per l’ambiente.
  • prodotti eccessivamente costosi.
  • mancanza di un codice sorgente effettivamente aperto o quanto meno disponibile agli sviluppatori visto che il loro codice sorgente è chiuso come un ostrica.
  • violazione dei diritti umani verso i dipendenti di uno dei produttori Apple e cioè Foxconn. Qui potete leggere l’articolo inerente.
  • violazione delle normative sulla garanzia europea. Qui potete leggere l’articolo inerente.
  • violazione dei diritti di altre aziende a commercializzare prodotti tecnologicamente migliori e continua a sferrare attacchi legali di vario tipo per ostacolare la concorrenza rivelando così un invidia immensa verso coloro che sanno fare meglio di Apple stessa.
  • ecc. ecc.

Tuttavia Apple si è difesa contro l’EPEAT e nell’articolo su WebNews, che potete approfondire, dichiara come segue:

Apple, tuttavia, ha preferito rispondere mediante un proprio portavoce alle accuse mosse da San Francisco, sottolineando come essa sia una delle aziende maggiormente attive dal punto di vista ecologico: ogni anno, infatti, il gruppo pubblica i dati relativi all’impatto ambientale dei propri stabilimenti e dei propri prodotti, rendendo dunque noti dettagli che altre società preferiscono mantenere segreti. Il gruppo guidato da Tim Cook, inoltre, ha tenuto a precisare come aderisca da tempo allo standard Energy Star 5.2, promosso dal Governo USA ed in grado di garantire l’ecosostenibilità di prodotti tecnologici ben oltre i livelli dell’EPEAT.

Noi nutriamo forti dubbi su queste dichiarazioni visto che Apple non si è mai fatta scrupoli di alcun genere, quindi mentire per loro non farebbe alcuna differenza.

Affermiamo pertanto che mai e poi mai compreremo prodotti Apple visto che sta mostrando sempre più il suo lato oscuro e noi non vogliamo prendervi parte stupidamente acquistando i loro prodotti sempre indietro con la tecnologia rispetto ad altri produttori e inutilmente costosi.

 


Facebook Comments

CC BY-SA 4.0 This work is licensed under a Creative Commons Attribution-ShareAlike 4.0 International License.

Related posts

Rispondi