La differenza tra un tecnico informatico professionista e un negoziante d’informatica

Il settore informatico è piuttosto particolare ed è molto vasto, con tutta una serie di novità e servizi man mano che la tecnologia avanza.

Tuttavia c’è una cosa che in Italia non è mai cambiata, ovvero quello di concepire l’informatica quasi come un gioco da parte dei meno informati e da parte di coloro che approfittano di questo settore per guadagnarci a discapito dell’ignaro cliente/utente che ha un reale bisogno di aiuto e supporto, in particolare le aziende che devono puntare sulla produttività anziché perdere tempo in numerose problematiche di vario tipo.

Per questo motivo mi sono sentito spinto a scrivere questo articolo per illustrare le caratteristiche che disinguono un vero professionista del settore, ovvero noi tecnici informatici a differenza della maggioranza dei soliti negozianti che vengono scambiati per tecnici quando invece non lo sono.

Come identificare i veri professionisti

17120-illustration-of-a-laptop-computer-pvMolti clienti hanno espresso le loro perplessità quando hanno dovuto scegliere dei servizi informatici professionali quali appunto l’assistenza tecnica in ambito aziendale e per i privati la situazione non è di certo migliore, visto che sono regolari vittime di servizi scadenti o addirittura vengono presi in giro da personale incompetente di un centro commerciale che spesso non risulta nemmeno formato a causa anche della miopia di questi centri che non fanno fare alcun corso di formazione valido nel campo tecnologico/informatico.

Naturalmente in Italia si aspettano che tutti siano formati e capaci ma non si investe seriamente nelle formazioni di professionisti validi, quindi la maggior parte di noi professionisti siamo stati formati da un’esperienza sul campo durata anni, per non dire decenni.

Qui sotto potete scaricare il documento che ho realizzato su LibreOffice ed esportato di conseguenza nel formato PDF e usarlo come guida pratica ed evitare spiacevoli inconvenienti con chi fa finta di essere un professionista e purtroppo diffama con la sua condotta noi esperti del settore, privandovi di conseguenza di un servizio valido e professionale.

Nei commenti sotto potete esprimere il vostro parere. Qui potete scaricare il PDF del documento riportato in anteprima qui di seguito.

Facebook Comments

CC BY-SA 4.0 This work is licensed under a Creative Commons Attribution-ShareAlike 4.0 International License.

Related posts

4 Thoughts to “La differenza tra un tecnico informatico professionista e un negoziante d’informatica”

  1. Luca

    Il cliente non ha sempre ragione. Interessante la distinzione fra tecnico e negoziante. Allora è meglio differenziare fra cliente e cliente… c'è l'utente è l'utonto! 😉

    1. Esattamente. Ora capisci perché noi tecnici combattiamo ogni giorno non solo per fare il nostro lavoro ma anche con molti altri problemi.
      Senza contare che la maggioranza dei negozianti sono anche disonesti, oltre che ignoranti e diffamano la reputazione invece di noi veri tecnici.

  2. Neal Caffrey

    Signor Mannara, ho appena aggiunto il suo sito/blog ai miei preferiti. Trovo i suoi spunti in materia "differenza tra professionisti e improvvisati" assolutamente coerente con la realta'.

    Un caro saluto da un professionista come lei, che quando proponeva al cliente di firmare un contratto dettagliato sul da farsi inerente alla situazione richiesta, si sentiva rispondere: ma "tizio x" me lo fa a meno soldi e in nero, non puoi farlo anche tu?.

    Oggi lavoro in Germania, e per fortuna, non vi sono di questi problemi.

    A quando un articolo che differenzia le varie tipologie di clienti?

    1. Salve, la ringrazio per aver risposto al mio articolo.
      Beh, di recente ho pubblicato un articolo su come riconoscere i falsi professionisti da quelli veri e in fondo all\’articolo vi è presente un link esterno dove conduce ad un altro articolo su come riconoscere anche i cattivi clienti.
      Lo può trovare a questo link: http://shadowlionheart.it/perche-diffidare-dei-fa

      Inoltre aggiungo… lei ha pienamente ragione, ormai molta gente cerca scusanti per tutto ma proprio per esperienza diretta posso affermare che dobbiamo lavorare solo con alcuni, non con tutti.
      Sarcasticamente parlando non possiamo aspettarci che tutti gli esseri umani sulla faccia della terra siano abbastanza evoluti, si perdono nella mediocrità e hanno una mente molto piccola.
      La Germania poi ha dimostrato di avere un ignoranza simile a quella italiana, di conseguenza è difficile anche in Germania lavorare nell\’ambito informatico.
      In questo momento mi sto muovendo tra Malta e le Canarie, di conseguenza ho trovato qualche corrispondenza in più.
      Se vuol possiamo anche discuterne in privato, i contatti alla pagina di riferimento li può trovare senza problemi, idem per le pagine social.

Rispondi