Linux Mint 17.1 "Rebecca", recensione e guida all'installazione – video

Linux Mint è forse in assoluto il sistema operativo Open Source che possa definirsi davvero user-friendly, ovvero di facilità d’uso per tutti, perfino per i principianti, e per qualsiasi ambito.

Sebbene sia una derivata del famoso sistema operativo di Canonical, ovvero Ubuntu, di sicuro Linux Mint si sta distinguendo sempre di più non solo per la facilità d’uso ma anche per i suoi frequenti aggiornamenti, la sua incredibile solidità e per il fatto che possiede già i codec multimediali preinstallati.

Di conseguenza è una distribuzione che si dimostra davvero pronta immediatamente a qualsiasi utilizzo e per una vastissima utenza; quindi che siate un utente privato, un’azienda, una pubblica amministrazione, una scuola o una società no-profit non ha nessuna importanza… Linux Mint 17.1 Rebecca rappresenta di sicuro la scelta ideale per tutti.

Un elogio a Clement Lefebvre e al suo team per l’ottimo lavoro svolto.

Prima di procedere inizio l’articolo rendendo particolare omaggio al mio cantante preferito di recente scomparso, ovvero Pino Mango che fin da bambino ascolto le sue bellissime canzoni, al quale dedico questa grafica…

CiaoPino

Caratteristiche principali e novità di Linux Mint 17.1 Rebecca Cinnamon

Le note di rilascio sono riportate sul sito ufficiale di Linux Mint (in lingua inglese) ma cercherò di illustrarle in breve:

  • Ambiente grafico Cinnamon 2.4.
  • Nuovo sistema di personalizzazione dei temi.
  • File manager Nemo ridisegnato e più accattivante.
  • Update manager migliorato con ulteriori dettagli.
  • Possibilità di selezionare la scelta del kernel da utilizzare.
  • Migliorato il supporto delle lingue.
  • Schermata di login con presentazione a slide, ovvero ad immagini continue.
  • Cartelle personalizzabili.

A questo link trovate invece le novità di rilascio per la versione Mate (fork di Gnome 2 ma adatto ai PC più datati) e alcune novità sono le seguenti.

Linux Mint 17.1 MATE Edition viene fornito con due window manager installati e configurati di default:

  • Marco (il window manager di MATE, semplice, veloce e stabile).
  • Compiz (un gestore avanzato di composizione delle finestre che può fare miracoli, se l’hardware lo supporta).
  • Gestore degli aggiornamenti con dettagli più semplici e significativi.
  • Come per la precedente versione 17 “Qiana” così anche l’aggiornamento alla versione 17.1 Rebecca si basa su Ubuntu 14.04 LTS Trusty Tahr

Videorecensione e guida all’installazione

Sono diverse le novità che questo sistema operativo Open Source ci riserva ma si cercherà di rendere tutto facilmente comprensibile, soprattutto per gli utenti alle prime armi.

Quindi mi scuseranno gli utenti più esperti se nel video e nell’articolo ho usato spiegazioni più elementari, perché è giusto rendere semplici le cose e nessuno deve restare indietro.

Una volta scaricata la versione a 32 bit o 64 bit del sistema operativo con Cinnamon (o Mate) procediamo ad impostare il BIOS del nostro computer alla voce “boot” e impostiamo la priorità di avvio dalla pendrive USB o dall’unità disco CD/DVD nel caso aveste aveste scelto di masterizzarlo, se utilizzate Windows consiglio caldamente di utilizzare un software semplice e gratuito per masterizzare l’immagine disco con Ashampoo® Burning Studio FREE.

Nel mio caso ho utilizzato (come da video sopra) la macchina virtuale per testarlo, in questo caso VirtualBox.

Schermata del 2014-12-01 11:10:03 Schermata del 2014-12-01 11:35:27

L’avvio mostrato qui sopra indica che il sistema si sta caricando normalmente e a breve apparirà la schermata principale.

Schermata del 2014-12-01 11:14:02La schermata qui sopra mostra tutta la semplicità dell’ambiente e della scrivania di Linux Mint 17.1 Rebecca avviato in modalità Live.

Quindi da questa posizione possiamo navigare tra i file e le cartelle del sistema Microsoft Windows installato sulla nostra macchina e operare per effettuare una copia di backup dei dati su pendrive USB o hard disk esterno.

Schermata del 2014-12-01 11:14:32Cliccate a sinistra sull’icona a forma di disco “Install Linux Mint” e procedete nel selezionare la vostra lingua.

Schermata del 2014-12-01 11:14:39Il sistema verificherà che i requisiti minimi di sistema sono effettivamente soddisfatti dalla vostra macchina. Importantissima la connessione ad internet per scaricare i pacchetti della lingua durante l’installazione e i gli eventuali driver da installare.

Schermata del 2014-12-01 11:14:48Schermata del 2014-12-01 11:14:56

Il sistema verificherà eventuali sistemi operativi presenti e chiederà se vogliamo installare Linux Mint accanto a Windows oppure cancellare l’intero hard disk e installarci Linux Mint come sistema operativo unico (il che lo consiglio caldamente).

Naturalmente il sistema chiederà di confermare le operazioni e voi di conseguenza confermate.

Schermata del 2014-12-01 11:15:04Naturalmente scegliete il vostro fuso orario.

Schermata del 2014-12-01 11:15:15Selezionate il layout e la lingua della vostra tastiera.

Schermata del 2014-12-01 11:15:45Digitate il vostro nome e cognome, scegliete il nome del vostro computer, il vostro nome utente (in minuscolo) e confermate per due volte la password da voi scelta, ricordando che quest’ultima sarà non solo la password di accesso ma anche la password di amministrazione del vostro sistema.

Se siete gli unici proprietari del vostro computer potete scegliere l’accesso automatico ma personalmente consiglio sempre di proteggere i vostri dati e il vostro PC con una password e di conseguenza l’accesso viene negato agli estranei.

Schermata del 2014-12-01 11:15:53

Il sistema si sta installando e nel frattempo potete godervi lo slide con la presentazione delle caratteristiche del sistema operativo oppure potete navigare sul web, aprendo Firefox in basso a sinistra vicino al pulsante del menù.

Desidero ricordare che durante l’installazione è più prudente collegare il cavo ethernet al vostro PC per garantire una connessione veloce perché non tutte le schede Wi-Fi vengono riconosciute dal sistema (come nel caso delle schede Wi-Fi targate Broadcom), in quanto occorre installare eventuali driver proprietari e tale operazione è fattibile solo a installazione conclusa.

Durante l’installazione il sistema scaricherà dalla rete anche gli ultimi aggiornamenti e i pacchetti completi della lingua di sistema da voi selezionata.

Schermata del 2014-12-01 11:34:56Al termine dell’installazione possiamo riavviare il sistema, durante l’avvio il sistema chiederà di estrarre la chiavetta prima di continuare (premendo poi il tasto ENTER o INVIO) o nel caso del DVD che abbiamo masterizzato sarà espulso automaticamente, quindi toglietelo dal cassettino e continuate il riavvio di sistema.

Schermata del 2014-12-01 11:35:40

Schermata del 2014-12-01 11:36:19 Schermata del 2014-12-01 11:36:50
Schermata del 2014-12-01 11:37:04 Schermata del 2014-12-01 11:37:20

Al termine dell’installazione potremo accedere selezionando il nostro account e inserire la password ma noterete anche un bellissimo slide di immagini continue che abbelliscono notevolmente la schermata di accesso (vedere sopra alcuni esempi).

Da notare che il team di sviluppo di Linux Mint ha scelto sfondi ispirati alla natura, foto e immagini di grandissima qualità che di sicuro vi lascierà a bocca aperta e le immagini della natura sono sicuramente una festa per gli occhi, specialmente per chi come me ama la natura.

Schermata del 2014-12-01 11:37:37Ed ecco a voi la scrivania del vostro sistema appena installato e un pannello di benvenuto che v’illustra tutte le caratteristiche di Linux Mint.

In basso a destra vicino alle altre icone vi apparirà un’icona a forma di scudo con un simbolo blu al centro (apparirà dopo pochi istanti dal primo avvio del sistema), quello è il gestore degli aggiornamenti, cliccateci sopra.

Schermata del 2014-12-01 11:38:47Schermata del 2014-12-01 11:39:23Appariranno i primi aggiornamenti da eseguire nel vostro sistema, quindi applicateli cliccando sul pulsante “Installa gli aggiornamenti”.

Per ulteriori dettagli e informazioni sugli aggiornamenti fate riferimento alla video recensione postata sopra ad inizio articolo.

Schermata del 2014-12-01 11:46:33

Nelle impostazioni di sistema cercate il gestore dei driver e cliccateci sopra.

Schermata del 2014-12-09 18:54:13Qui potrete attivare i vostri driver, nel caso fossero presenti schede video o Wi-Fi (o altre periferiche che utilizzano driver proprietari) come nel caso delle schede Broadcom.

Schermata del 2014-12-01 11:49:07 Schermata del 2014-12-01 11:49:28Cliccando col pulsante destro del mouse e selezionando “cambia sfondo scrivania” e da questa posizione possiamo selezionare uno degli innumerevoli sfondi a disposizione, tra cui anche quelli nuovi dedicati per la versione denominata “Rebecca”.

Schermata del 2014-12-01 11:50:15Da notare che LibreOffice non è all’ultima versione, tuttavia è un problema facilmente risolvibile aprendo il terminale e digitando i seguenti comandi:

sudo add-apt-repository ppa:libreoffice
sudo apt-get update
sudo apt-get install libreoffice libreoffice-l10n-it libreoffice-help-it

Oltre a questo consiglio l’installazione aggiuntiva delle nuove icone Sifr digitando il seguente comando:

sudo apt-get install libreoffice-style-sifr

Chiudete la suite se l’avete aperta, riavviatela e avrete LibreOffice aggiornato alla nuova versione.

Upgrade da Linux Mint 17 “Qiana” alla versione 17.1 “Rebecca”

Per aggiornare dalla precedente versione 17 “Qiana” alla versione denominata “Rebecca” è sufficente aver installato tutti gli aggiornamenti all’ultima versione, tra cui l’aggiornamento “Mint Update”.

Spazio di lavoro 1_001Sempre nel gestore degli aggiornamenti cliccate in alto su “Modifica” e successivamente “Upgrade to Linux Mint 17.1 Rebecca”.

Schermata del 2014-12-09 12:54:51Schermata del 2014-12-09 12:59:00Successivamente il sistema chiederà di visualizzare le note di rilascio per poter continuare e si aprirà un link alla pagina ufficiale, potete chiuderla subito e procedere.

Schermata del 2014-12-09 13:00:09Cliccate sul pulsante “Install mint-meta-cinnamon” e selezionate la spunta dove dice “I understand the risk. I Want to upgrade to Linux Mint 17.1 Rebecca”.

Quindi accettate eventuali rischi, ma prima di fare questo accertatevi di aver fatto almeno una copia di backup dei vostri dati.

Schermata del 2014-12-09 13:00:18

Attendete che il procedimento sia terminato.

Schermata del 2014-12-09 13:30:48Schermata del 2014-12-09 13:33:53Al termine chiudete e riavviare il sistema, successivamente vedrete la vostra schermata di accesso con le nuove immagini in slide che vi daranno il benvenuto alla nuova versione, inserite la vostra password e andando nelle “Impostazioni di sistema” e successivamente “Informazioni di sistema” potrete visualizzare la conferma che state utilizzando il nuovo sistema Linux Mint 17.1 “Rebecca”.

Software aggiuntivi

L’utilizzo di Wine, se intendete usare software che normalmente funzionano su WIndows, è sicuramente d’obbligo ma è consigliato utilizzarlo solo se non avete alternative valide.

Per installare Wine disponibile all’ultima versione attuale aprire il terminale e digitare i seguenti comandi:

sudo add-apt-repository ppa:ubuntu-wine/ppa
sudo apt-get update
sudo apt-get install wine1.7 winetricks

Stessa cosa per installare i caratteri di Microsoft (Times New Roman, Verdana, ecc.) il comando da digitare è il seguente:

sudo apt-get install ttf-mscorefonts-installer

Le schermate che possono apparirvi nel terminale sono le seguenti.

Schermata del 2014-12-01 12:04:25

Cliccate su OK con il pulsante ENTER o INVIO sulla tastiera.

Schermata del 2014-12-01 12:04:30

Con i pulsanti freccia sulla tastiera raggiungete la conferma con “Sì” e confermate con ENTER.

Se intendete utilizzare Skype si consiglia caldamente di scaricare l’ultima versione disponbile sul sito ufficiale in quanto nei canali è disponbile una versione più vecchia di quella attuale.

Per abbellire ulteriormente il sistema con delle nuove icone consiglio il tema di icone Flatwoken digitando il seguente comando da terminale:

sudo add-apt-repository ppa:noobslab/icons
sudo apt-get update
sudo apt-get install flatwoken-icons

Ed ecco come appare Linux Mint una volta configurato il tema nelle “Impostazioni di sistema” e successivamente alla voce “Temi” e poi “Icone”.

Confermate e vedrete qui sotto le nuove icone applicate.

Schermata del 2014-12-01 12:10:02Per ulteriori informazioni sulla personalizzazione del tema vi consiglio di rivedervi questo mio breve filmato postato in un mio precedente articolo a questo link, per scaricare altre personalizzazioni vi rimando al sito di Gnome Look.

Spero che questa recensione vi sia piaciuta, condividete pure l’articolo e lasciate un bel “Like” alle pagine social e al video su YouTube a inizio articolo. Il link per scaricare il sistema operativo con Cinnamon è qui sotto mentre a questo link potete scaricare quello con Mate, più leggero e adatto a PC datati.

pulsante-linux-mint

Avete bisogno di assistenza tecnica?

Potete contattarmi per richieste di assistenza a pagamento da Lunedì a Venerdì dalle 9 alle 12 e dalle 13.30 alle 18.30 facendo riferimento alla pagina dei contatti oppure telefonarmi al numero 06-916508748 (VoIP ed Mtalk) oppure al numero 347-7928006.

Il numero di cellulare corrisponde anche alle utenze di Telegram e Whatsapp.

Ti è piaciuto questo articolo? Un piccolo “grazie” con una donazione è sempre gradito, se non altro per il lavoro svolto.

pulsante-donazione-silver

 

Facebook Comments
Print Friendly, PDF & Email

CC BY-SA 4.0 This work is licensed under a Creative Commons Attribution-ShareAlike 4.0 International License.

Related posts

2 Thoughts to “Linux Mint 17.1 "Rebecca", recensione e guida all'installazione – video”

  1. Lorenzo

    Grazie!
    Ma tu consigli di scaricarlo dal sito di Mint oppure dal sito di Antonio Cantaro del Majorana di Gela che è più completo ma non so quanto "compatibile" con le varie configurazioni di PC?

    1. Meglio scaricarlo dal sito ufficiale. 😉

Rispondi