Ripristinare l’avvio di Windows con Clonezilla

La manutenzione su sistemi Microsoft Windows è da sempre uno degli argomenti più comuni nell’ambito dell’informatica e noi tecnici ben conosciamo le problematiche più diffuse, da quelle di routine a quelle più gravi.

Di conseguenza è indispensabile che noi tecnici informatici facciamo affidamento non solo sulla nostra esperienza ma principalmente su software validi che ci permettano di eseguire efficacemente il nostro lavoro in situazioni abbastanza gravi, come ad esempio nel caso in cui il cliente rischia di perdere i suoi dati e di non poter usare il proprio computer quando è più indispensabile per i propri affari o per la propria azienda.

Uno di questi software preziosi per eseguire manutenzione è proprio Clonezilla, di conseguenza l’articolo è in concomitanza con il nuovo rilascio avvenuto il 22 Novembre 2016, segnalato quest’oggi su Distrowatch.

Cos’è Clonezilla

Clonezilla è un programma definito da Wikipedia come programma di “disaster recovery“, di formazione immagine della partizione del disco e/o clonazione simile a True Image® o Norton Ghost® (quest’ultimo non più sviluppato da Symantec), oltre a questo il programma si avvia in modalità Live in quanto è basato su Ubuntu ed è sviluppato da Steven Shiau e da NCHC Free Software Labs a Taiwan. Clonezilla SE fornisce supporto multicast alla stessa maniera di Norton Ghost Corporate Edition. (vedi anche Wikipedia)

Ti aiuta a fare la partizione del sistema, il backup e l’eventuale ripristino.

Due tipi di Clonezilla sono disponibili, Clonezilla vivere e Clonezilla SE (server edition). Clonezilla live è adatto per il backup e il ripristino della macchina singola. Mentre Clonezilla SE è per la distribuzione di massa, si può clonare in massa fino a 40 computer contemporaneamente.

Clonezilla salva e ripristina solo i blocchi utilizzati nel disco rigido. Ciò aumenta l’efficienza di clonatura.

Con hardware di fascia alta in un cluster da 42 nodi in un multicast è possibile ripristinare il tutto alla velocità di 8 GB/min (in base alle ultime segnalazioni).

Alcune schermate di esempio

La schermata qui sopra mostra l’avvio del sistema in modalità Live che permette di scegliere le operazioni da eseguire.

La scelta della lingua.

La scelta delle operazioni da eseguire come lavorare sulla partizione stessa oppure per eseguire la clonatura.

L’immagine sopra indica chiaramente che per queste operazioni è possibile utilizzare Samba per l’operazione su server.

Una delle operazioni più importanti: ripristinare il sistema operativo presente sull’hard disk e il suo regolare avvio.

Ulteriori informazioni sul software e per poterlo scaricare gratuitamente potete collegarvi sul sito web ufficiale di Clonezilla.

Non resta quindi che augurarvi un buon lavoro con Clonezilla.

L’articolo ti è stato utile? Sostieni il nostro lavoro con una donazione su PayPal.

Facebook Comments
Print Friendly, PDF & Email

CC BY-SA 4.0 This work is licensed under a Creative Commons Attribution-ShareAlike 4.0 International License.

Related posts

Rispondi