Diffidate da bufale e false notizie

Un fenomeno più che mai attuale sono proprio le notizie false, comunemente conosciute in Italia come “bufale”.

Si tratta di “fake news”, appunto queste false notizie che con tono allarmistico annunciano morti o disastri di vario tipo.

Il problema di queste cosiddette “bufale” è che trovano particolare accoglimento sui social network, ma andiamo per gradi.

Il fenomeno delle false notizie

Le false notizie, conosciute appunto anche come “bufale”, sono per lo più delle vere e proprie menzogne inventate ad arte semplicemente per guadagnare, quindi si smira a monetizzare grazie alla pubblicità presente nelle pagine web.

Tale pubblicità viene inserita giustamente per trarre un profitto da ciò che si scrive o da notizie che potrebbero essere utile per il lettore.

Tuttavia questo fenomeno è chiaramente dilagante e diversi editori o blogger pur di monetizzare non fanno altro che pubblicare vere e proprie bugie.

Oltre alle false notizie ci sono anche i post o messaggi inviati alla maniera di un vero e proprio “tam-tam” virtuale che riguardano lo stare attenti a non accettare un determinato contatto o profilo social.

I complici…

Ma il problema è che dopo aver pubblicato tali notizie costoro hanno dei complici su cui contare… siete voi!

In che modo siete complici? Lo siete in questi modi:

  • La notizia bufala di qualche vostro idolo/beniamino riporta la sua morte? Tragedia! Lo condividete sui social e spesso senza nemmeno leggere il contenuto dell’articolo.
  • Un eventuale profilo sui social (che forse nemmeno esiste o è un omonimo) viene segnalato a voi tramite messaggio o chat che vi raccomanda di non accettarlo? Lo condividete a vostra volta con altri.
  • Altri siti web o blog riportano notizie improvvise di tragedie o fatti assurdi? Costoro non cercano nemmeno su Google e non indagano e nemmeno si informano.
  • Ricordando che tali false notizie sono vere e proprie bugie diventati complici di tale bugie e quindi siete bugiardi anche voi o siete troppo ingenui. La scelta è vostra.

Per quanto i media spesso sono manipolati da politici e lobby di vario tipo resta il fatto che le morti di personaggi famosi vengono comunque riportate in ogni caso.

Del resto è risaputo che, specialmente in Italia, sembra essere una tradizione quella di dare risalto e importanza a coloro che perdono la vita anziché coloro che sono ancora vivi e vegeti.

Come distinguere le notizie vere da quelle false

In verità è molto semplice distinguerle, in primis occorre notare che genere di siti web o blog pubblicano tali falsità.

  • Spesso le notizie false sono riportate da siti web o blog creati da spazi gratuiti come Altervista, Wix e simili (quindi i proprietari non investono in siti web o servizi professionali seri).
  • Se la falsa notizia viene riportata in un sito web o blog apparentemente attendibile guardate chi è il proprietario nella sezione dei contatti o in fondo alle pagine web, spesso costoro non si mostrano nemmeno ma potete verificarlo tramite Who.is (se il proprietario ha reso disponibili le informazioni).
  • Cercate su Google l’eventuale notizia, spesso viene riportata la “contronotizia” da fonte attendibile che appunto smentisce la cosiddetta “notizia bufala”.

Ma oltre ai miei personali consigli ne trovate altri che sono utili stati pubblicati sul sito di Repubblica, HuffingTonPost, IlPost, MedeaWeb e molti altri che potete trovare con una semplice googlata.

E ricordate… non rendetevi complici di tali “bufale” ma soprattutto non siate pigri nel leggere e nell’informarvi!

E piantatela di cercare scuse dicendo sempre “poi andrò a vedere” e poi non lo fate, è l’ennesima bugia che esce dalla vostra bocca ed è dettata dalla vostra immane pigrizia.

Leggete, informatevi, siate curiosi ma soprattutto mettete da parte l’ignoranza e la mediocrità!

Facebook Comments
Print Friendly, PDF & Email

CC BY-SA 4.0 This work is licensed under a Creative Commons Attribution-ShareAlike 4.0 International License.

Related posts

Rispondi